Don't walk dance | Alessandra Iacuzzi
15400
page,page-id-15400,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-6.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive
 

Alessandra Iacuzzi

“Quando si ha una forte determinazione tutti i poteri della natura vengono ad assisterci” (Babaji)
alessandra

Che cos’è lo Yoga?
Lo Yoga è una rigorosa autodisciplina che insegna a conoscere se stessi, con tutte le possibilità e tutti i limiti propri di ogni individuo; è una via che ognuno può percorrere, una via che si apprende comunque solo attraverso la pratica costante e individuale.
Praticare Yoga è prima di tutto avere un profondo rispetto di sé e degli altri (Yama), è avere attenzione ed essere sempre presenti al momento che si sta vivendo, è mantenere chiarezza e onestà. E’ sentirsi sempre appagati di ciò che si ha (Nyama), è riuscire, come dice il suo più antico testo, a “percepire il sé in tutte le cose e tutte le cose nel sé”, perché Yoga significa unione dell’individuo con tutta la sfera universale di cui è parte integrale. Praticare Yoga è seguire la non violenza (Ahimsa), non solo negli atti, ma nelle parole e nei pensieri, è spogliarsi da tutto ciò che è personale per fondersi in un amore universale.
Lo Yoga è antico come il mondo, è una pratica a cui tutte le culture di tutti i tempi hanno sempre attinto e continuano ancora oggi ad attingere. E’ una disciplina straordinaria perché mette in grado la persona di partire da sé, dal suo corpo, dal suo respiro, dalla sua mente, per poter agire su tutto ciò che la circonda. Erroneamente vista e interpretata da molti come una tecnica puramente individualistica, insegna che la forza acquisita dal singolo si propaga naturalmente a tutti quelli che lo circondano, fino alla comunità in cui vive, insegnando che: “Se il corpo cambia, cambia lo spirito e se lo spirito cambia il cosmo intero si modifica”

Lo Yoga non è una religione e non avendo perciò nessun contrasto con alcuna di queste può, volendo, essere facilmente integrato in ognuna, cosa che del resto hanno fatto l’induismo dei Brahmani, il buddismo e anche il cristianesimo.
E’ una pratica spirituale che parte proprio dalla ricerca dell’integrazione di tutti gli aspetti del nostro sé e contiene l’intento di ricongiungere il microcosmo umano con il macrocosmo universale.
Le Asana sono particolari posture del corpo che vanno mantenute a lungo nella totale immobilità finché diventano confortevoli, perché “attraverso le trazioni muscolari inviano treni di impulsi alle cellule cerebrali rinvigorendole”, aiutandoci a sciogliere le tensioni muscolari, aiutandoci a riequilibrare le energie vitali degli organi e dei visceri, ma ricordando comunque che si lavora sempre contemporaneamente anche sui piani più “sottili”: sul respiro (Pranayama); sul suono che è parte del respiro stesso; sul simbolo che ogni forma o respirazione contiene; sui centri focali di energia, i Chakra, che vengono stimolati in ogni esercizio; sugli elementi del corpo che ai Chakra sono correlati e che occorre mantenere in armonia con gli stessi elementi esterni; sul distacco da ciò che è materiale, da ogni forma esteriore e quindi, sull’isolamento dei sensi rivolti all’interno (Pratyahara); sulla concentrazione mentale (Dharana); sulla meditazione (Dhyana), tappa finale che deve coronare ogni pratica yogica, liberando la mente fino alla sua totale espansione.

L’evoluzione nel Samadhy porta lo yoghin alla “dimensione divina”, alla comprensione dei principi universali, l’unione del conscio con l’inconscio, la sublimazione, la consapevolezza, la saggezza e la totale realizzazione.
Lo Yoga insegna che per giungere alla totale comprensione è necessario percorrere tutte le otto tappe evolutive e consequenziali.
E’ così che dovrebbe essere concepito lo Yoga, così che andrebbe praticato e allo stesso modo insegnato: cercando veramente l’Integrazione tra l’Energia lunare femminile e quella solare maschile (Ha-tha), tra Cielo e Terra, tra le nostre parti più materiali e quelle più sottili ed eteree; cercando di raggiungere la coscienza dello Spazio senza però trascurare i passaggi obbligati dell’Essere umano, quegli stessi che la via dello Yoga ci indica:
° dalla Terra all’Acqua ° dall’Acqua al Fuoco °dal Fuoco all’Aria ° dall’Aria all’Etere-Spazio = Dimensione Universale.
Questo è lo Yoga, questa è la Via, certamente non l’unica.
I saggi ci insegnano che “la Verità è Una ma i sentieri sono tanti”, l’importante è, in tutte le cose, una volta intrapreso un cammino, percorrerlo con determinazione fino in fondo.
(estratto da Il grande libro dello Yoga di G. Cella)

Diploma Insegnante Yoga rilasciato da C.S.E.N. (formazione M. Cinzia Onorati): Yoga adulti, Yoga in gravidanza, Yoga bimbi.

Diploma Operatrice Shiatsu rilasciato da I.E.S. sede di Roma.
Secondo livello Reiki Usui.

Diploma danzatrice classica rilasciato da Accademia Nazionale di Spalato